Come la chiamo?

Oltre ad essere un amico delizioso, Jacopo è uno di quei fotografi serissimi che si fanno un mazzo quadro tra eventi paparazzate festival e chi più ne ha più ne metta.

L’ho conosciuto anni fa fuori dalla sfilata di Dolce e Gabbana: a pelle mi era simpatico perché non era il solito paparazzo stronzo che ti butta a terra pur di avere la foto. E così avevamo iniziato a parlare. E abbiamo continuato a parlare a lungo, visto che poi, per due anni, sono stata anche sua [umilissima] collega in Getty Images. Jacopo lavorava con Nikon, io con Canon: lui professionale, io semi-pro.

Finchè un giorno.

Finchè un giorno di marzo decido di aprire ufficialmente la stagione delle gite a Camogli.

Jacopo, che bazzica Camogli molto più di me, mi dice che mi passa a trovare in spiaggia “così ti faccio due foto”.

Lo vedo arrivare da lontano, ma non vedo il solito cannone da paparazzo che ormai è un prolungamento della sua persona.

Arriva con un… giocattolino in mano.

“Adesso ti faccio vedere che figa sta macchina”.

Tre, due, uno: eccoci qui, discretamente fighe, io e la Nat, sulla spiaggia di Camogli, diaframma aperto come piace a me.

ElenaBraghieri_Camogli_JacopoRaule

Tre, due, uno: voglio quel giocattolino figo.

Quel giocattolino figo si chiama Fujifilm X-E2  ed è una signora mirrorless [1] di casa Fujifilm.

Jacopo la usa con un obiettivo ad ottica fissa, il 35 mm f1.4, che equivale a circa un 50 mm visto che la macchina non è full frame: praticamente la combinazione perfetta per me, che sono cresciuta ad ottiche fisse e che amo gli sfumati da diaframma apertissimo.

La prendo in mano, la uso un po’. Non me ne voglio più staccare.

Quell’incontro non è casuale.

Torno a casa e cerco, mi informo, la voglio. Il fatto è che io amo la mia Canon con il mio 50mm e il mio 100mm [amo soprattutto chi mi ha regalato il 100mm], ma non è proprio comoda da portare in giro. Ma non è nemmeno wifi. Che sono i due motivi principali per cui è da un sacco che non vedete più foto belle [ok ok, Instagram è un’altra storia].

Vedo gente, faccio cose, ma la macchina fotografica è sempre a casa, e va a finire che uso l’iphone, e che poi mi dico “no, questa non è pubblicabile sul blog, sul blog voglio mettere solo foto belle”.

E quindi, due mesi dopo, respirone profondo: benvenuta cara Fujifilm X-E2 con 35mm f1.4.

Ti porterò ovunque.

Ora però devo trovarti un nomignolo simpatico. Suggerimenti?

______________________
[1] dicesi mirrorless una macchina fotografica di dimensioni simile a una compatta, ma con obiettivi intercambiabili, che si differenzia dalle reflex classiche principalmente perché all’interno non contiene lo specchio che serve a riflettere l’immagine che entra dall’obiettivo (al momento dello scatto, lo specchio si solleva e rimane aperto fino a che l’esposizione non è conclusa). Non contenendo questo specchio, le mirrorless possono permettersi il lusso di essere più piccole delle reflex.

8 Comments

  • Rispondi maggio 21, 2014

    Elisabetta

    E poi penso che abbia anche delle custodie in pelle bellissime, come tutte le fuji.

    • Rispondi maggio 22, 2014

      Elena Braghieri

      ecco, giusto quella cercavo!! Mo’ mi informo.

  • Rispondi maggio 22, 2014

    Alice

    Il “nomignolo simpatico” è qualcosa di molto personale, quindi se non ti viene in mente subito prenditi del tempo e prova a ripensare a ciò che hai provato quel giorno quando l’hai vista per la prima volta. Se ho capito bene è stato amore a prima vista, di conseguenza anche il nome te lo suggerirà il cuore.

  • Rispondi maggio 23, 2014

    Sole

    Ma alla fine come l’hai chiamata??

  • Rispondi maggio 23, 2014

    Sara

    Siamo curiosissime di sapere come l hai chiamata! E comunque mi hai fatto venir voglia di foto…. Di foto belle fatte con un bel giocattolino

  • Rispondi luglio 27, 2014

    annabella senatore

    come si chiama???

  • […] miei sette giorni. In realtà non sono andata in vacanza da sola: sono andata in vacanza con la mia mirrorless, con l’intenzione di fare foto decenti solo con un obiettivo ad ottica fissa. E per fare foto […]

  • Rispondi gennaio 20, 2015

    Giulia

    Mi sono innamorata di un’olympus omd e ho venduto tutto il corredo Canon che avevo per poterla comprare. Ora sono la fiera mamma di un aggegino piccolo, maneggevole e adorabile che, a proposito di nomi, ho chiamato Tonina. Tu come hai deciso di chiamarla? #loveMirrorless

Leave a Reply